Close
FOOTGOLF

Il Footgolf è uno sport nato in Olanda nel 2009 che unisce l’eleganza che contraddistingue il mondo del golf alla popolarità del calcio. Un mix vincente adatto a entrambi i sessi e a tutte le età: per giocare è sufficiente, infatti, saper calciare un pallone e lasciarsi travolgere dalla bellezza del paesaggio e dalla natura caratteristici dei campi da golf.
Le regole derivano da quelle del golf, con alcune piccole variazioni legate alla specificità degli strumenti utilizzati. Una su tutte: non esistono le mazze, ma i piedi, che devono mandare in una buca del diametro di 50 cm un pallone regolamentare da calcio (misura n. 5).
Anche le penalità sono leggermente differenti da quelle del golf e sono state semplificate ad 1 colpo per ogni infrazione commessa.

Lo spirito del gioco
Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all’integrità dell’individuo nel dimostrare riguardo verso gli altri giocatori e nel rispettare le Regole.
Tutti i giocatori devono comportarsi in modo disciplinato, dimostrando sempre cortesia e sportività, indipendentemente da quanto competitivi possano essere.
Questo è lo “Spirit of the game” del footgolf: una filosofia di vita che comporta il rispetto, la lealtà, l’onestà e l’autodisciplina.
Nonostante ci siano classifiche e premi per quei giocatori che si distinguono tra i vari partecipanti alle gare, la vera sfida è quella tra il giocatore e il PAR del campo, ovvero il numero prestabilito di colpi necessari a completare il percorso (che solitamente corrisponde a 72 colpi per 18 buche).
Se un giocatore scende sotto il PAR vince, se lo eguaglia pareggia, mentre se conclude la gara con un numero di colpi superiore ad esso vince il campo.
È una gara con se stessi per migliorarsi giorno dopo giorno, per cui chi non rispetta le regole del gioco o le penalità rimediate durante il percorso, prima di tutto inganna solo se stesso !
È, perciò, assolutamente vietato accordarsi per disapplicare o derogare le regole, pena la squalifica di tutte le parti coinvolte.

Etichetta
Il Footgolf è una variante del Golf e da questo mondo, oltre che le regole di gioco, prende tutte le regole di comportamento e di etichetta che devono essere consoni all’ambiente dove le manifestazioni sportive si svolgono, i Golf Club.

Dress Code (abbigliamento)
Il footgolfista indossa polo, felpa o pullover, bermuda o gonna o pantaloni lunghi, calzettoni lunghi (da portare al ginocchio e non abbassati), scarpe da calcetto, da golf o ginnastica. Sono facoltativi l’uso di giacche tecniche impermeabili e cappelli.
È assolutamente vietato l’uso di t-shirt, canottiere, divise da calcio, scarpe con tacchetti da calcio da erba e/o sintetico.
L’utilizzo di ciabatte ed infradito, prima durante o dopo la gara, è consentito esclusivamente negli spogliatoi, pena l’allontanamento dalla struttura ospitante.

Codice comportamentale
Il footgolf, al pari del golf, richiede concentrazione, silenzio, tempi di gioco ragionevolmente brevi per non perdere attenzione e riscaldamento muscolare.
È, perciò, severamente vietato urlare, imprecare, esultare platealmente, palleggiare o giocare a calcio passandosi il pallone, disturbare gli altri giocatori con la suoneria del cellulare o parlando ad alta voce, rallentare il proprio gioco e, di conseguenza, quello degli altri, danneggiare o lasciare in disordine la Club House, le aree ristoro, gli spogliatoi, i parcheggi, in sintesi qualunque luogo del Golf Club che ospita la manifestazione sportiva.

Penalità
Il mancato rispetto dell’etichetta può comportare l’immediato allontanamento del giocatore, la squalifica o punti di penalità sulle classifiche di giornata o di campionato da parte del comitato organizzatore e/o degli organi preposti della FIFG.

Giudice sportivo
Tra le varie esigenze sorte nella precedente stagione sportiva, FIFG ha ritenuto necessario ed imprescindibile dotarsi di un organo dotato dei poteri e delle funzioni necessarie per assicurare a tutti i tesserati un regolare, corretto ed imparziale svolgimento dell’attività agonistica in ossequio al regolamento vigente (che, si ricorda, per la diversa natura della palla da gioco e di ciò che la colpisce, non può essere identico a quello del golf, seppure da esso prenda le mosse in modo preponderante).
È stato, quindi, istituito il Comitato Affari Legali, Regolamento e Disciplina che agisce anche quale Giudice Sportivo.
L’attivazione di tale Organo è, in linea generale, prevista solo in via eccezionale, dopo attenta valutazione, anche istruttoria, a seguito della quale viene emesso un Comunicato Ufficiale mediante il quale viene deciso in merito alle denunciate violazioni.
È bene precisare, tuttavia, che ciò avviene solo in quei limitati casi nei quali:
a) l’applicazione automatica di certe penalità previste dal regolamento, ovvero altre situazioni di dubbio sorte durante il gioco, non siano state risolte concordemente dai componenti del gruppo di gioco mediante la consegna degli score-card controfirmati (circostanza che, salvo errori oggettivi o altri casi particolari, non consente di modificare il risultato del campo);
b) il Comitato Organizzatore di ciascun evento agonistico, previamente dotatosi di un Collegio Disciplinare preposto a prendere atto delle risultanze degli scorecard ed a risolvere piccole contestazioni che sorgono durante il gioco o subito dopo il termine di esso, nonché a valutare con imparzialità e rigore le altre situazioni che non siano state risolte durante il gioco (come in linea generale sarebbe auspicabile) che siano state sottoposte al suo vaglio, entro le 24 ore immediatamente successive al termine di una gara abbia ritenuto di non provvedere ad omologare i risultati del campo come riportati sugli score-card anche a seguito di eventuali contestazioni pervenute prima della consegna ufficiale degli stessi.

Ogni evento sportivo è organizzato da un Comitato Regionale, anche in collaborazione con altri di altre Regioni.
Esso è responsabile della pianificazione degli eventi sportivi e ad esso è demandato di provvedere ad una serie di compiti, tra i quali, ad esempio: redigere e comunicare le eventuali Regole locali dei singoli percorsi, prendere atto delle penalità che durante il gioco sono state applicate per effetto della violazione delle Regole, dotarsi di un proprio Collegio Disciplinare, adottare tutte le decisioni in ordine alla validità delle gare, come l’omologazione dei punteggi ed, in casi particolari, l’annullamento parziale o totale della gara (ad esempio, per effetto di eventi metereologici eccezionali).

Tipologia di gioco
Esistono diverse modalità di gioco. Le più comuni sono il “match play”, in cui i giocatori si contendo le singole buche del percorso e vince chi se ne aggiudica di più, e lo “stroke play” in cui vince chi chiude il percorso con il minor numero di colpi: quest’ultima è la formula più utilizzata.
Le partenze possono aver luogo in modalità sequenza (tutti dalla buca 1, con ogni gruppo di gioco che parte ad intervalli prestabiliti, ad esempio, ogni 10 minuti) oppure in modalità shotgun (ogni gruppo parte contemporaneamente da buche diverse: in tal caso la gara ha inizio al suono di una sirena o tramite altro segnale).

Registrazione e scorecard
Almeno 45 minuti prima dell’orario di inizio della competizione o di quello assegnato dopo la pre-iscrizione alla gara al proprio gruppo di gioco, il giocatore deve presentarsi presso la segreteria organizzativa per completare l’iscrizione: qui gli verrà consegnato uno scorecard su cui è indicato il PAR di ogni buca e del percorso (cioè il numero di colpi astrattamente necessari per completare sia ogni singola buca che l’intero percorso), i metri di lunghezza di ogni singola buca e del percorso, lo spazio per il nome e il cognome di player (il giocatore) e scorer (un altro giocatore che fungerà da marcatore dei colpi del player) e per le due relative firme (player e scorer) che certificheranno a fine gara la correttezza dei dati riportati sullo scorecard prima della sua consegna alla segreteria organizzativa non oltre 15 minuti dopo aver concluso l’ultima buca.
Ai fini della classifica verranno sempre e solo presi in considerazione i colpi di ogni singola buca (al massimo 9 per ognuna) riportati nelle caselle del player, compilati dallo scorer (le caselle dello scorer servono solo per prendere appunti e per personali verifiche durante la gara).
La non esattezza e completezza dei dati riportati sullo scorecard (es. mancanza di una o di entrambe le firme) lo renderanno passibile di penalità come da regola 26.

Gruppi di gioco e rotazione dello scorecard
Il giocatore dovrà presentarsi alla propria buca di partenza almeno 15 minuti prima dell’orario assegnato.
Se un giocatore si presenta in ritardo, gli sarà comminato un colpo di penalità ove il gruppo riesca a partire entro i 5 minuti successivi all’orario inizialmente stabilito. In caso di maggiore ritardo, il gruppo partirà ed il ritardatario potrà non essere ammesso alla gara.
I gruppi di gioco sono solitamente formati da 4 giocatori (tendenzialmente mai più di due della stessa squadra).
I giocatori A, B, C e D si metteranno in cerchio (i due della stessa squadra non dovranno essere l’uno accanto all’altro) e consegneranno il proprio scorecard al giocatore alla propria destra. In questo modo il player A consegnerà il proprio scorecard al player B, ricevendo quello del player D. Quindi il player A marcherà i colpi del player D mentre i colpi del player A verranno marcati dal player B, i cui colpi saranno marcati dal Player C, a sua volta marcato dal Player D.
Nelle caselle dello scorer ogni giocatore marcherà i propri colpi che serviranno solo per confrontarli con il proprio marcatore alla fine di ogni buca. Saranno validi solo i punteggi riportati dal marcatore alla voce player/giocatore di ogni scorecard.

Scrivici se vuoi saperne di più!